44 anni senza il piccolo-grande Renato Curi. Frosio: “Lui, io e quel Perugia. Sì, eravamo felici”

Ieri l’anniversario della morte di un giocatore che ha lasciato un segno profondo. L’ex compagno lo ricorda e lo racconta dentro e fuori dal campo. “Era un Verratti con più corsa”

Se da 44 anni si parla di Renato Curi, è per quel che è successo il 30 ottobre 1977 e mai abbastanza per quello che è stato prima di quel maledetto piovoso pomeriggio sul prato di Pian di Massiano. Renato Curi era il numero 8 del Perugia (e lo sarà per sempre: ritirarne la maglia non sarà mai troppo tardi): era un piccolo grande giocatore, che poco più di un anno prima aveva strappato con un suo gol lo scudetto alla Juve per darlo al Torino e che sarebbe arrivato in Nazionale.

Precedente Sarri: "Sfortunati, sembrava vinta, ma questa è la mentalità giusta" Successivo Diretta Inter-Udinese ore 12:30: probabili formazioni e come vederla in tv e streaming

Lascia un commento